Massimo Palombella si dimette

Il direttore del Coro della Cappella Sistina, mons. Massimo Palombella, si è dimesso.

In un comunicato, il Vaticano ha spiegato che Papa Francesco ha accettato le dimissioni di mons. Palombella dopo che il direttore del coro ha raccolto il “parere unanime” sul suo futuro da parte dell’ordine salesiano – di cui Palombella è membro – e dell’ufficio papale delle celebrazioni liturgiche.

Il Coro della Cappella Sistina, che può far risalire le sue radici al VI secolo, ed è formalmente attivo dal 1471, è ritenuto il più antico coro del mondo.

Ma negli ultimi mesi il coro papale ha affrontato un’indagine per irregolarità finanziarie, e all’inizio di quest’anno Francesco lo ha posto sotto una nuova gestione, togliendolo dalla supervisione della casa papale.

Francesco ha dato la responsabilità del coro all’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice, che è guidato da Mons. Guido Marini, il maestro di cerimonie del Papa.

Il Vaticano ha annunciato che Mons. Marini ha collocato Mons. Marcos Pavan, che dirige i ragazzi cantori del coro “Pueri Cantores”.

Mons. Palombella è stato nominato per un mandato di cinque anni da Papa Benedetto XVI nel 2010, e poi dato un altro mandato da Francesco nel 2015. Questo sarebbe dovuto scadere nel novembre 2020.

I problemi hanno iniziato a emergere nel coro lo scorso luglio quando un tour estivo negli Stati Uniti è stato cancellato senza spiegazioni e nel settembre 2018 il Vaticano ha annunciato un’inchiesta sugli “aspetti economico-amministrativi” del coro. I media italiani all’epoca riferirono che le accuse includevano riciclaggio di denaro, frode e appropriazione indebita, con l’ex amministratore del coro, Michelangelo Nardella, una persona centrale di interesse. Quando ha riorganizzato la gestione del coro nel gennaio 2019, ha messo l’arcivescovo Guido Pozzo, un funzionario del Vaticano, a capo delle finanze.

Nonostante le recenti difficoltà, Mons. Palombella è ampiamente accreditato per aver intrapreso una trasformazione del “Sistina”, guadagnandosi il rispetto del mondo musicale insieme alla collaborazione con cori di altre confessioni, tra cui l’Abbazia di Westminster e la Cattedrale di Hereford.

Il coro ha girato il mondo con esibizioni a Buckingham Palace, Hong Kong e New York, e si è unito alla Deutsche Grammophon, una delle principali etichette di registrazione di musica classica del mondo, per produrre CD. Il loro tour includeva l’esibizione all’inaugurazione di una mostra al Metropolitan Museum of Art di New York chiamata “Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination”.

Tutto questo è una grande inversione di tendenza dopo un periodo di declino durante la seconda metà del XX secolo, quando il coro si guadagnò il soprannome di “urlatori della Sistina”.

Ma il successo ha avuto un costo. Mentre il “Sistina” è salito sulla scena musicale mondiale, la sua stessa amministrazione sembra aver fatto fatica a tenere il passo. Il coro, un’operazione da molti milioni di sterline, non sembra avere un ufficiale finanziario designato o un contabile dedicato, con Nardella che è stato messo a capo di tutte le questioni amministrative.

Fonti della Chiesa dicono anche che Mons. Palombella ha dovuto affrontare l’opposizione di una fazione del coro che è devota all’eredità del defunto direttore del coro, il cardinale Domenico Bartolucci, che ha una fondazione creata in sua memoria.

Il Vaticano dice che Mons. Palombella si è reso disponibile per un nuovo ministero che gli sarà assegnato dai Salesiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.