Vampires of Portlandia di Jason Tanamor

Se anche a te piace la lettura in inglese e stai cercando un libro dalla lettura coinvolgente leggi la storia e la mia recensione personale di Vampires of Portlandia di Jason Tanamor

Vampires of Portlandia storia

Vampires of Portlandia di Jason Tanamor

Quando Marcella Leones trasferisce la sua famiglia di vampiri aswang (demoni filippini) dalle Filippine a Portland, nell’Oregon, alleva i suoi nipoti secondo regole rigorose in modo che gli umani non li scoprano.

Il suo unico desiderio è dare loro una vita pacifica, lontano dai cacciatori e dal governo filippino che ha tentato di sterminarli.

Prima di morire, trasmette il potere al suo nipote maggiore, Percival.
Giura di rispettare le regole stabilite da Leones, permettendo alla sua famiglia di vagare liberamente senza vincoli.

Tuttavia, quando il patto di aswang viene infranto, il tasso di omicidi a Portland aumenta drasticamente. Chi c’è dietro gli omicidi? E chi c’è dietro il patto infranto? Insieme alla sensitiva Penelope Jane, Percival deve trovare la verità.

È allora che scoprono che ci sono altre razze di aswang come bestie mannari, streghe e demoni che risiedono a Portland da anni.

Vampires of Portlandia recensione

Ero così elettrizzato quando ho visto questo libro su Amazon che l’ho acquistato subito. Un libro scritto con personaggi, miti e folklore filippini.
Non è facile trovare questo tipo di racconti / libri  a livello internazionale.

Quindi puoi immaginare quanto sono deluso dopo aver letto questo libro e non aver trovato quello che cercavo. Ho fatto del mio meglio per amarlo.
Ero così vicino a lasciar perdere, ma speravo che sarebbe migliorato o almeno sarebbe stato divertente e quindi alla fine sono riuscito a leggerlo fino alla fine.

Inizierò con le cose che mi sono veramente piaciute in questo libro.
I valori della famiglia, il retroscena (imprecisioni a parte), le bare sospese e uno scorcio di Capiz.
C’è anche una breve introduzione a diversi tipi di aswang (spiriti filippini) che avrei voluto fossero più approfonditi.

Ora continuiamo con le piccole cose che non sono molto chiare, ma posso sorvolare.
Non è possibile andare a Baguio da Samar via terra (in auto).
Certo puoi portare la tua macchina, ma con un traghetto.

Il passo successivo è la mancanza di rispetto verso gli anziani.
Utilizza di “po / opo” e “ate / kuya”, che è una tradizione molto distinta e importante nelle famiglie filippine.
Capisco che la loro Lola provenga da Capiz e sono consapevole che “po / opo” non è comunemente usato a Visayas (dove si trova Capiz) e Mindanao, ma sono sicuro che hanno i loro termini / nomi per le persone anziane (come Manang / Manong).
Sono cresciuti negli Stati Uniti,  forse è per questo che non è stato insegnato il rispetto verso gli anziani come viene tramandato da sempre nelle generazioni filippine.

Infine, il peddling (che è stato usato in questo libro).
Quindi ciò che resta sono le delusioni.
Il primo è la scrittura. Ho faticato molto per leggerlo.
Sono assolutamente d’accordo con uno stile di scrittura semplice e diretto, ma questo libro ha uno stile strano che non ha funzionato per me.

È scritto in una prospettiva in terza persona e in alcuni casi l’autore / narratore parla direttamente al lettore.
Non ci sono nemmeno molti dialoghi. I personaggi sono unidimensionali e ho avuto difficoltà a connettermi con loro, ad eccezione di Geena, la sorella minore di Percival. È l’unico personaggio che mi è piaciuto.

C’erano alcuni buchi nella storia e molte cose che per me non hanno senso.
Ad esempio, Lola è il capo dei vampiri e quando morirà Percival erediterà l’amuleto e l’eredità per la loro protezione, non dice loro che ci sono altri tipi di aswang che vivono anche a Portland.

Si nasconde anche riguardo all’Alleanza che penso fosse la cosa più importante da sapere per loro. È molto meglio se racconta loro tutto in modo che siano consapevoli e preparati per ogni evenienza, no?

Non mi piaceva il modo in cui i senzatetto e gli anziani venivano trattati (o rappresentati) nel corso della storia.
Sono stati uccisi perché hanno poco contributo alla società.
Il problema è rimasto irrisolto.

Per il finale, avevo ancora speranze nonostante tutto.
Personalmente ho pensato che il “colpo di scena” potesse arrivare.
Non lo so. Forse sono solo io.
Ho davvero apprezzato quello che l’autore stava cercando di fare, ma sfortunatamente non ha funzionato per me.

Questo libro avrebbe dovuto essere un misto di oscurità, commedia / umorismo e mistero, ma purtroppo è caduto piatto in tutti questi aspetti.
Mi ha deluso perché ha davvero un grande potenziale.
Non lo consiglio ma se la descrizione ti ha incuriositoti invidio a leggerlo.
fammi sapere cosa ne pensi tu una volta che lo hai finito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *